TAPPA 4

Lignano Sabbiadoro

LIGNANO SABBIADORO INFOPOINT
Via Latisana 42
Tel. 043171821
info.lignano@promoturismo.fvg.it

Alla fine dell’Ottocento non c’era che una caserma della Guardia di Finanza per scoraggiare il contrabbando in laguna, allora attraversato dal confine italo-austriaco. Nel 1903 fu costruito un albergo e un piccolo impianto balneare, ma il vero sviluppo turistico iniziò solo nel 1926 quando, completate le opere di bonifica della laguna di Marano Lignano fu collegata per via stradale a Latisana, e proseguì per tutto il secolo scorso trasformandola nella popolarissima località balneare che oggi conosciamo. È alla lunga spiaggia di sabbia finissima dal colore dorato, che si estende per circa 8 chilometri da Marina Punta Faro alla foce del Tagliamento, che si deve il nome Sabbiadoro, il cuore di Lignano e la sua “anima” più antica, dove accanto a ville firmate dai migliori architetti friulani oggi svettano spregiudicati grattacieli. Ed è qui che fa bella mostra di sé il vecchio faro rosso, in fondo al pontile in legno che offre fascinose vedute panoramiche sulla laguna di Marano fino al mare Adriatico. La seconda “anima”, Lignano Pineta, vide la luce tra il 1953 e il 1956, un gioiello urbanistico con pianta a spirale pensato da Marcello d’Olivo, dove ancora oggi è sorprendente passeggiare per le sue strade alberate ammirando le originali ville immerse nel verde. Poco dopo, negli anni Sessanta del Novecento, avvolto dalla secolare pineta nacque il sobborgo di Lignano Riviera, con una pianta a scacchiera irregolare impreziosita dalle Terme marine, elegante edificio con terrazza per sabbiature e bagni di sole. Eccole qui le “tre Lignano” con le sue tre diverse anime, dove tutto è a portata di mano di grandi e piccini: mare, natura, relax, divertimento, avventura…

Pianifica il tuo viaggio

Iscriviti alla newsletter e partecipa alla community

Tienimi aggiornato

Partner

Touring Club Italiano
WWF
Slow Food Italia

Iniziativa in collaborazione con

Ministero della Cultura
UNESCO