Itinerario

Itinerario

San Leo. Paesaggi rinascimentali

in collaborazione con Touring Club Italiano

Come testardi ricercatori a caccia di immagini del Rinascimento, si seguono le curve dolci del paesaggio dai colori pastello del Montefeltro per giungere ai “balconi” che affacciano sulle colline raffigurate da Piero della Francesca come sfondo dei suoi capolavori. È proprio tra i poggi della Valmarecchia e del Metauro, infatti, che sono state identificate le dolci linee delle campagne che sfumano alle spalle del ritratto di Battista Sforza, fanno da sfondo al quadro di San Girolamo e ai Trionfi, tra le più note tele del grande pittore nato a Sansepolcro. A pochi chilometri dalla rupe di San Leo, dalle cui torri si apre una vista eccezionale sul Montefeltro, da piccoli balconi attrezzati si godono gli scorci che hanno ispirato Piero della Francesca.

Uno dei più geniali pittori del Quattrocento, Piero della Francesca, ebbe fortuna e onori lavorando per molte famiglie regnanti dell’Italia Centrale. In varie occasioni, per raggiungere le ricche corti di Urbino e di Rimini dalla natia Borgo Sansepolcro, viaggiò insieme ai suoi assistenti lungo le Valli del Metauro e del Marecchia sulle stesse strade che possiamo percorrere ancora oggi, guardando gli stessi paesaggi. Lunghe ricerche hanno portato negli anni alla scoperta di ben sette vedute che Piero della Francesca aveva utilizzato come sfondo per alcune delle sue opere più celebri. Alcuni specchi d’acqua dipinti nel Quattrocento sono oggi scomparsi, ma le indagini geologiche testimoniano che erano certamente esistiti; colli e monti si sono modificati a causa di frane e smottamenti che però, anch’essi, sono stati “certificati” dagli studi scientifici sul suolo. Da questo lavoro è nata l’idea di Montefeltro Vedute Rinascimentali: un percorso suggestivo e una rete di luoghi storici, segnalati sul terreno da piccoli e simbolici balconcini in ferro battuto, dai quali si può entrare, senza temere di sbagliare, nel paesaggio idilliaco che fa da sfondo ai grandi del passato. Il punto migliore da cui partire, quasi al centro della ragnatela dei viaggi compiuti da Piero della Francesca, si trova all’ombra della ripida e severa Rocca di San Leo. A pochi passi da qui sono stati allestiti i balconi che ci portano nelle tele che ritraggono Battista Sforza e San Girolamo, due dei capolavori del pittore di Sansepolcro. Oggi come allora, possiamo lasciarci affascinare dai dolci paesaggi del Montefeltro, confrontando la realtà con le opere d’arte e guardando il mondo con gli occhi dell’artista.

Approfondisci+

Pianifica il tuo viaggio

Iscriviti alla newsletter e partecipa alla community

Tienimi aggiornato

Partner

Touring Club Italiano
WWF
Slow Food Italia

Iniziativa in collaborazione con

Ministero della Cultura
UNESCO