Itinerario

Itinerario

Pani e dolci specialità del Ferrarese

in collaborazione con Slow Food Italia

Nella città di Ferrara, così come nei suoi immediati dintorni, le occasioni gastronomiche sono davvero tante. Non si può che cominciare gustando la celebre coppia ferrarese, nota in dialetto come ciopa o ciupeta: un pane a pasta dura, nato nel Cinquecento, la cui forma, data dall’unione di due filoncini, ricorda quella di un fiocco. Spostando l’attenzione verso i dolci, ecco l’eccellente pampapato di antichissima tradizione conventuale: a forma di zuccotto, è impreziosito da frutta secca, spezie e canditi. Gli amanti del cioccolato si innamoreranno della irresistibile torta tenerina: nata nel primo Novecento, spicca per il suo cuore morbidissimo e cremoso.

Nella città di Ferrara, così come nei suoi immediati dintorni, le occasioni gastronomiche sono davvero tante. Non si può che cominciare gustando la celebre coppia ferrarese, che si fregia dell’Indicazione Geografica Protetta e che, secondo lo scrittore Riccardo Bacchelli, era «il pane migliore del mondo». È nota in dialetto come ciopa o ciupeta: si tratta di un pane a pasta dura, croccante e friabile, quasi privo di mollica, nato già nel Duecento ma che ha preso le attuali sembianze tre secoli dopo, in occasione di una cena in onore del duca di Ferrara. La forma, data dall’unione di due filoncini, ricorda quella di un fiocco. Secondo la pezzatura, è chiamata piccola, lunga, ragnetto o ricciolina. Spostando l’attenzione verso i dolci, ecco l’eccellente pampapato di antichissima tradizione conventuale. Più o meno come lo conosciamo oggi, pare sia stato creato dai cuochi del duca Alfonso II d’Este nel 1580, a forma di zuccotto, una foggia che ricorda volutamente la papalina, il caratteristico copricapo cardinalizio. È impreziosito da frutta secca, spezie e canditi ed è ricoperto di cioccolato. E, a proposito di cioccolato, gli appassionati si innamoreranno della irresistibile torta tenerina: nata nel primo Novecento, è un dolce tipico di grande fragranza. Si scioglie in bocca mantenendo tuttavia un’ottima consistenza: uno dei segreti della cottura in forno sta nel mantenere il “cuore” morbidissimo e cremoso. Gli ingredienti principali sono cioccolato fondente, burro, zucchero, farina e uova.

Approfondisci+

Pianifica il tuo viaggio

Iscriviti alla newsletter e partecipa alla community

Tienimi aggiornato

Partner

Touring Club Italiano
WWF
Slow Food Italia

Iniziativa in collaborazione con

Ministero della Cultura
UNESCO