Itinerario

Gli oli della provincia di Campobasso

in collaborazione con Slow Food Italia

Per quanto piccola, la provincia di Campobasso presenta una buona varietà di olive da cui si ottengono ottimi oli extravergine. Per approfondire la conoscenza si comincia da Termoli: dalle olive della varietà nera di Colletorto si ricava un olio convincente e potente, dalla rumignana un extravergine dai sentori intensi di rucola, ortica e salvia. Ci si sposta poi sulle colline di Larino, dove con la locale oliva gentile si ottiene un olio alquanto equilibrato. Ultima tappa Mafalda: qui è da provare l’extravergine ottenuto dall’oliva gentile di Mafalda, armonico e intenso al naso come in bocca.

Per quanto piccola (poco più di 2900 metri quadrati), la provincia di Campobasso presenta una buona varietà di olive caratteristiche del territorio da cui si ottengono ottimi oli extravergine. Per approfondire la conoscenza si comincia da Termoli, e più precisamente dall’azienda biologica di Giorgio Tamaro, da anni attento ai temi della sostenibilità e della biodiversità. Dalle olive della varietà nera di Colletorto, particolarmente resistente alle avversità ambientali, ricava un olio convincente dai sentori di mandorle verdi e rucola, che in bocca è potente, con note di noce, zenzero e pomodoro verde. Con l’oliva rumignana in purezza, ottiene invece un extravergine potente dai sentori intensi di rucola, ortica e salvia, mentre in bocca richiama pepe verde ed erba. Ci si sposta poi sulle colline di Larino, dove Adamo Radatti produce un extravergine con la locale oliva gentile, la più diffusa del Molise (costituisce circa un terzo della produzione complessiva regionale). Un olio equilibrato, con profumi di erba e mandorle e una chiusura di rucola e noce. Ultima tappa Mafalda, dove l’azienda Trespaldum (nome derivato dall’antico nome della città) cresce di anno in anno in qualità. Da provare l’extravergine ottenuto dall’oliva gentile di Mafalda: intenso al naso come in bocca di fiori, erba e pomodoro, è armonico e convincente.

Approfondisci+

Pianifica il tuo viaggio

Iscriviti alla newsletter e partecipa alla community

Tienimi aggiornato

Partner

Touring Club Italiano
WWF
Slow Food Italia

Iniziativa in collaborazione con

Ministero della Cultura
UNESCO