Itinerario

Carnia. I maestri artigiani

in collaborazione con Touring Club Italiano

Un itinerario alla scoperta dell’artigianato dei paesi della Carnia conduce verso le valli più emozionanti del territorio. Si parte da Sauris, borgo racchiuso tra i monti e un lago artificiale, famoso per la tessitura artigiana che ripropone disegni “rubati” da stoffe antiche, realizzati ancora oggi con telai manuali. Il viaggio prosegue verso Pesariis, il paese degli orologi dove dal Seicento si affina l’arte dell’orologeria; tra le sue vie si ammirano originali installazioni che si muovono grazie all’acqua, al sole o con meccanismi basculanti. Si passa poi alla maestria del legno: a Sutrio l’artigianato prospera nelle botteghe di mobili ed eccelle nel monumentale Presepe di Teno, un museo etnografico in miniatura che lascia incantati tutti i visitatori.

La Carnia è una delle zone più particolari e affascinanti del Friuli. In passato isolata e legata al vicino Cadore veneto, è composta da una serie di strette valli che terminano ai piedi di grandi montagne. Nei paesi carnici le tradizioni artigiane si sono conservate nel corso dei secoli, e a Sauris, che si trova a poca distanza da uno spettacolare lago artificiale, si lavora il legno per produrre statue, mobili e decorazioni. In paese si conservano ancora la tradizionale tessitura del passato e l’arte della lavorazione del maiale. Il prosciutto di Sauris è certificato da una IGP, e il prosciuttificio locale offre decine di prodotti di grande qualità. A Pesariis, nella parte alta della Val Pesarina, tutto sembra invece ruotare attorno agli orologi. Merito di un’azienda che decenni or sono ha ripreso in mano la tradizione locale dell’orologeria artigianale. Per celebrare questa specializzazione, l’intero paese è percorso da un itinerario lungo il quale s’incontrano orologi monumentali di tutte le fogge e con i meccanismi più particolari, mentre esemplari antichi e moderni sono esposti in un piccolo museo. A Sutrio il legno torna a essere l’elemento fondamentale dell’artigianato: molte sono le botteghe artigiane e, nelle vie, decine sono le statue realizzate dagli scultori locali. Il Presepe di Teno, esposto in una sala in penombra, è un piccolo capolavoro nato dalla passione di un abilissimo artista locale che ha scolpito nel legno, attorno alla Natività, tutti i personaggi che animano la vita quotidiana delle montagne e delle valli della Carnia.

Approfondisci+

Pianifica il tuo viaggio

Iscriviti alla newsletter e partecipa alla community

Tienimi aggiornato

Partner

Touring Club Italiano
WWF
Slow Food Italia

Iniziativa in collaborazione con

Ministero della Cultura
UNESCO